Home > Iniziative e seminari > Master class con Giacomo Castellano 2011

Master class con Giacomo Castellano 2011


Catanzaro lido, sede Popoff - 22/10/2011

La sala era gremita, nell'aria si respirava il rock che tutti bramavano. Il pomeriggio è stato lungo e intenso ieri al Popoff, scuola di musica e sala prove di Catanzaro lido, che ha avuto l'onore e il piacere di ospitare uno dei più rinomati e importanti chitarristi italiani: Giacomo Castellano. Il suo accento fiorentino, la sua simpatia e soprattutto la sua immensa esperienza hanno conquistato da subito l'attenzione dei partecipanti al seminario didattico di chitarra elettrica che si è dilungato per tutto il pomeriggio, dalle primissime ore del pomeriggio fino a ora di cena. Numerosi i temi trattati da Giacomo, dall'uso della strumentazione in ambiti professionali fino ad argomenti di tecnica chitarristica, metodi di studio, come affrontare una tournèe e tanti altri che nascevano sul momento grazie alle domande e agli interventi dei tantissimi ragazzi venuti appositamente da ogni provincia dell'intera Calabria. Giacomo è stato professionale quanto generoso nel divulgare informazioni ed esperienze molto difficili, se non impossibili, da reperire altrove. L'esperienza diretta è sempre quella più importante in fase di apprendimento, specialmente in ambiti del genere dove non basta solo studiare musica per essere un professionista. Conoscere i vari retroscena, ciò che succede "dietro le quinte" dei grandi tour e avere dimostrazioni tecniche su alcuni aspetti musicali, in particolar modo chitarristici, ha un valore inestimabili per la crescita culturale e musicale. Se poi a farlo è un professionista che ha studiato vari anni in Italia e negli USA, ha scritto il manuale didattico di rock-metal più venduto in Italia, ha suonato con Vasco Rossi, Elisa, Gianna Nannini, Noemi, Gianluca Grignani, Irene Grandi e tanti ma tanti altri, allora il valore aggiunto è inestimabile. Particolarmente divertente il racconto dei retroscena e del funzionamento dello spettacolo "We Will Rock You", un musical che è andato in scena in Spagna per oltre trecento date e in cui Giacomo si è trovato a tu per tu con Brian May, chitarrista dei Queen. Eventi del genere non possono che far bene e dare linfa musicale e culturale ad un panorama che sta attraversando un momento non facile, in una città, la nostra, che è sempre affamata di sapere e voglia di fare. Lo hanno dimostrato ieri tutti i ragazzi che hanno partecipato, più di una trentina, Giacomo, e ovviamente l'organizzatore dell'evento Matteo Procopio. Lo scopo di organizzare un evento del genere è quello di far crescere il livello culturale della nostra città e regalare splendide giornate come quella di ieri a tutti i conterranei, musicisti, colleghi ma prima di ogni altra cosa, amici.

Giacomo Castellano inizia a studiare chitarra all'età di circa 14 anni, nel lontano 1983. Impara le basi della teoria musicale, armonia, arrangiamento e improvvisazione in varie scuole di musica della sua città per poi spostarsi, nel 1988, ad Hollywood. Negli States Giacomo frequenta il prestigioso Musicians Institute School of Music dove perfeziona ulteriormenta la sua tecnica e le sue conoscenze musicali. Tornato in Italia si dedica a diverse attività musicali: insegna, pubblica manuali didattici tra i quali il Metodo per chitarra Rock-Heavy Metal (circa 10.000 copie vendute), scrive su riviste, lavora in studio di registrazione e collabora in grandi tour con vari artisti in Italia e in Spagna tra i quali Raf, Irene Grandi, Gianluca Grignani, Vasco Rossi, Paolo Vallesi, Marco Masini, Claudio Simonetti, Adriano Celentano, Gianna Nannini, Noemi, Alessandra Amoroso, Elisa Toffoli, Monica Naranjo, Rosana Arbelo, Thomas Lang, Rock in Rio (Madrid), We Will Rock You (Madrid) e molti altri. Nel 2004 pubblica il suo primo disco solista, Cutting Bridges, autoproducendolo e confermando le sue grandi doti tecniche e creative. Attualmente sta lavorando a un secondo disco del quale avremo l'onore e il piacere di ascoltare qualche estratto in anteprima.

 

© Chitarra Rock 2001-2018

Privacy Policy